Octopus vulgaris podcast

E se dopo “La stupidità del polpo” non ci siamo ancora convinti che il polpo con le patate potrebbe essere un atto dalla dubbia moralità, con questa puntata penso che vi ricrederete.

Ascolta “L'Insensibilità del Polpo (o Prova Dolore?) – Etologia” su Spreaker.

Come fa sta cosa così molliccia e aliena a provare un dolore così simile al nostro? Non hanno nemmeno un così bel cervellone in un resistente cranio come il nostro!

Prima di affrontare la questione vi invito a seguire il mio podcast su Spreaker perché da qui avete la possibilità di commentare tutte le puntate che volete! A voi non costa nulla, ma per me sapere la vostra opinione è essenziale. Trovate il link facilmente sui miei principali social!

Complessità Neurale del Polpo

Now. Sappiamo molto bene dalla puntata precedente sui polpi che il loro sistema nervoso è decentralizzato, e che le braccia contengono i 2/3 dei neuroni che possiedono. Intendiamoci, un cervello piuttosto complesso eh, che riesce ad analizzare il proprio ambiente fisicamente e chimicamente. Si sanno adattare a nuove situazioni, sperimentano, ricordano ed analizzano. Sono degli intelligentoni!

Ma questo non basta per non farli saltare in padella! Quindi lo studio di Crook del marzo 2021 ha aggiunto un tassello di scienza e ha dimostrato che i polpi provano dolore, abbestia aggiungerei! Ovvio, gli scienziati non volevano mica togliere il polpo dai ricettari internazionali (almeno credo).

L’Esperimento

In poche parole alcune cavie di polpo sono state teste in due camere con motivi differenti, così che il motivo fosse associato ad un particolare evento. L’evento ero una semplice iniezione di una soluzione salina, di acido acetico o di un analgesico, la lidocaina. La soluzione di controllo è quella salina, che a differenza dell’acido acetico non creava un’irritazione localizzata.

L’iniezione era fatte prima di confinare l’animale in una delle due stanze, e i risultati sono stati che l’acido acetico  determinava una repulsione verso la stanza, mentre quella salina no! Sorprendente ma prevedibile è l’effetto dell’analgesico, che causa una elevata preferenza per la stanza dell’iniezione SOLO se l’animale ha provato l’acido acetico. Questo vuol dire che la lidocaina è un evento positivo perché allevia il dolore!

Ok, con questa cosa abbiamo definito solo 1 delle 2 caratteristiche che definiscono l’esperienza dolorifica, cioè l’aspetto “Emozionale” o affettivo, e già cui abbiamo detto due belle parolone! Però dai, diciamo che questo lo possono fare un po’ tutti. Esperienza buona, va bene, mentre esperienza cattiva da evitare. Ma i polpi sanno anche “Discriminare” il dolore. Cioè dove sto provando il dolore? Quanto? Come posso farlo smettere? E’ colpa della peperonata? E perché no, anche qualche bestemmia al Dio dei polpi!

Gli scienziati hanno osservato l’intensità di grooming, un’azione self-directed, in questo caso, in cui l’animale di esamina il corpo con il becco corneo. Ovvio che al polpo non piace essere uno spiedino, ma con l’acido acetico il grooming è duraturo (anche ben oltre le 24 ore, al contrario del grooming causato dalla soluzione salina che durava al massimo 5 minuti, e nemmeno in tutti i soggetti!

Chiamata all’Evoluzione

Ora basta!! Perché tutti gli esseri viventi devono soffrire? Chiamo subito il responsabile!

E: Provo sono evoluzione, chi parla?

I: Ma ti pare il caso di creare una cosa del genere?

E: Ma chi cazzo sei?

I: Smettila di giocare e cresci! Il Dolore non serve a niente e lo sai! Trovati un lavoro serio!

E: Intento io so io e tu non sei nessuno, secondo, senza il dolore manco tu esisteresti!…

E’ già, per quanto lo temiamo e odiamo, il dolore serve! Ci avverte di danni o pericoli imminenti, sia psicologici che fisiologici, e ci fa fare involontariamente dei comportamenti volti a rimuovere questi pericoli. L’evoluzione ha ragione.. Chi cazzo siamo per giudicarla?

Ma noi di questa evoluzione ne sappiamo davvero troppo poco, anche se gli scienziati, in questo periodo storico sono attivi in questo campo. Il pathway ormonale coinvolto dell’esperienza dolorifica coinvolgono specifici recettori chiamati nocicettori. L’attività di questi recettori è stata rilevata anche nel polpo, tanto per dire che questa esperienza mette in comune diverse tipologie di animali.

Ne riparleremo. Promesso! 😉

Ascolta “L'Insensibilità del Polpo (o Prova Dolore?) – Etologia” su Spreaker.

Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *