book il volo rapito e i segreti dei lupi
Copertina di Il Volo Rapito
Copertina di Il Volo Rapito: Marco Mastrorilli
AutoreMarco Mastrorilli, Raffaella Maniero
Casa EditriceNoctua Book
N. Pagine127
Costo 15€

Link dove acquistare il libro


Ascolta “Il Volo Rapito – Ecologia & Curiosità (w/Marco Mastrorilli | Autore)” su Spreaker.

Con “Il volo rapito. Le scomode verità sul traffico illegale di gufi e di altri animali”, gli autori si sono concentrati nel mostrare il lato oscuro del commercio illegale di animali esotici, ponendo l’accento principalmente sui rapaci. Non tanto quello che prevede l’esportazione di un animale, ma piuttosto l’uso e la vendita degli individui a livello locale.

Una realtà a volte dimenticata o lasciata in disparte solo perché la cultura locale è un aspetto riservato esclusivamente alla popolazione umana autoctona, e non globale.

Come la caccia di frodo, il commercio di animali rari o senza le opportune licenze porta al sequestro degli animali e delle attrezzature, oltre a pene pesantissime di natura penale e pecuniaria.

Le tradizioni sono dure a morire, ma gli animali no!

Molte feste tradizionali affondano le radici in pratiche antiche volte ad allontanare le presenze maligne ed oscure della credenza spirituale popolare. Gli animali hanno ruoli ruoli principali in queste manifestazioni, in cui l’intero corpo o parti di essi svolgono una funzione simbolica.

Nella tradizione popolare di diverse culture ai rapaci notturni notturni è attribuita una valenza quasi del tutto negativa: spiriti della notte che si nascondono nell’oscurità. Va da se che questo alone mistico e fantasy (come diremo ai giorni nostri) abbiamo permesso la nascita e lo sviluppo delle pratiche magiche, e nel settore della magia i resti dei rapaci notturni sono elementi ultra-UP.

Nel libro viene considerata una festa specifica, il Festival delle Luci o Diwali in India. In questo evento, che dura ben 5 giorni e simboleggia la vittoria del bene (luce) sul male (oscurità), secondo la leggenda del Re Rama. L’accensione di migliaia e migliaia di lanterne non sarebbe un problema, se non fosse che questa festa nasconde un elemento occulto che prevede il sacrificio degli Strigiformi. Civette e gufi vengono uccisi per affogamento e i loro resti sono utilizzati per realizzare amuleti, impasti e pratiche propiziatorie.

Gufo reale (Bubo bubo)

I media possono aumentare il commercio illegale?

Film e film d’animazione si stanno rivelando vere e proprie armi dalla duplice valenza: aumentare la consapevolezza su temi particolarmente delicati; incitare il possesso di animali esotici e/o rari. Nonostante sia ben noto la pratica di incitare i consumatori ad acquistare attraverso una pubblicità indiretta (product placement), non si è dato importanza all’effetto che la presenza di alcuni animali rari e a rischio di estinzione avrebbe creato nel pubblico. Ben noto è l’aumento delle vendite del pesce pagliaccio (Amphiprion ocellaris) e del falso pesce pagliaccio (Amphiprion percula) dopo l’uscita del film d’animazione Pixar “Alla ricerca di Nemo“. Un effetto indiretto indesiderato che ha coinvolto anche gufi e civette.

In particolare il gufo delle nevi (Bubo scandiacus), una specie che dopo l’uscita dei film di “Harry Potter” si è trovata sempre più di frequente sulle bancarelle del mercato nero. Un commercio illegale che cattura animali protetti dal loro territorio d’origine, che trasporta specie altamente sensibili e in condizioni inaccettabili, e che vende a caro prezzo organismi a rischio d’estinzione che devono subire una vita in cattività ben lontana dai loro bisogno bio/etologici.

gufo delle nevi impronta animale
Gufo delle nevi (Bubo scandiacus)

Un volo rapito anche dai social

Ormai essere i social stanno diventando sempre di più il badge o un biglietto di visita della persona, perché l’utente mette a nudo la sua vita per ottenere sempre più followers e like. Un effetto che ci inebria perché ci fa sentire importanti. Purtroppo, per ottenere più seguito, molti profili utilizzano specie a rischio o esotiche di cui non sanno minimamente prendersene cura, causandone la morte o l’abbandono.

L’effetto prodotto da quei post ha lo stesso dei film, cioè quello di aumentare la domanda incrementando anche l’offerta. Un’offerta che incita il commercio illegale o gli allevamenti che vendo sempre più animali.

Falco pellegrino (Falco peregrinus)

Se vuoi saperne di più ascolta l’intervista podcast all’autore Marco Mastrorilli:

Ascolta “Il Volo Rapito – Ecologia & Curiosità (w/Marco Mastrorilli | Autore)” su Spreaker.
Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *