Polpo

Ormai abbiamo capito i polpi possono stupirci in tanti modi diversi e continuano a dar prova di capacità comportamentali che non sospetteremo mai in un mollusco!

Ascolta “La Collaborazione del Polpo (o è Competizione?) – Etologia” su Spreaker.

Un mollusco che si sa adattare ad ogni situazione, che capisce benissimo dove si trova e cosa c’è intorno a lui, e che può provare un dolore simile al nostro. Un mollusco che.. si arrabbia con i suoi amici pesci e gli tira du pizze in faccia!

Un Polpo Manesco!

Mi riferisco ad un paper non così bizzarro uscito nel 2021 di Sampei.. Ehm.. Eduardo Sampaio e colleghi, in cui si confrontano dati di caccia condivisa tra il polpo e alcuni pesci, come il Parupeneus cyclostomus (yellow saddle goatfish) e il pesce flauto (Fistularia commersonii), nel Mar Rosso e nel Mar Mediterraneo. Un articolo che ha fatto un saaaaco di scalpore perché ha generato una quantità non indifferente di meme in cui il polpo prendeva a legnate gli stessi “aiutanti” che avrebbero aiutato il polpo a cacciare le prede. Vere frustate tentacolate! Ad incitare questa cosa, gli autori hanno chiamato il comportamento “punching”.. Insomma volevano farlo diventare un meme..

Ma quali sono i ruoli dei partecipanti di questa caccia? In realtà in questo caso non si tratta di una caccia collaborativa e in questo caso il polpo è la punta di diamante, gioca il ruolo fondamentale ed è nuclear species, cioè della specie principale che viene seguita dagli altri partecipati che accattonano e approfittano dell’amico grande e grosso.

Questa frustata, o pugno, o mazzata, manterrebbe in connessione il polpo con il pesce colpito durante la caccia e causerebbe un costo energetico al pesce, che fungendo o subendo il colpo, funziona un po’ da meccanismo di controllo. Secondo gli autori questa azione potrebbe avere due possibili significati: il primo come se facesse una ripicca al pesce, perché facendo tutto il lavoro duro il polpo il suo costo energetico è maggiori, e in questo modo si equilibrerebbero i costi energetici della caccia, mettendo il polpo in una condizione di superiorità ed accessibilità della preda; Oppure questa interazione potrebbe promuovere la collaborazione, indicando un interesse nel mantenere questa condivisione.

Octopus vulgaris podcast
Octopus vulgaris

Collaborazione o Parassitismo?

A mio avviso si è leggermente travisato il significato dell’interazione polpo-pesce perché proprio come si osserva tra i pesci della barriera corallina che seguono altri pesci per ottenere qualche risorsa extra, anche in questo caso il rapporto è sul filo del mutualismo/commensalismo. Il gruppo di caccia, se così possiamo chiamarlo, che si crea in questo caso ha si dei vantaggi dal punto di vista delle catture, ma è del tutto individualista! Lo stesso punching, anche se non utilizzato per monopolizzare la preda, ha un carattere del tutto aggressivo da parte di un polpo che vuole allontanare un partner indesiderato o invadente.

Caccia Condivisa tra Cernie e Murene

A differenza della caccia condivisa tra murene e cernie, e non solo, in questo caso le risorse trofiche e la modalità di caccia sono simili e non del tutto complementari! Comunque, se fosse vero che questo colpo serve come collante sociale, il polpo sarebbe proprio un villano! Un po’ come quello della compagnia che tira coppini a destra e a manca perché ha un bisogno disperato di contatto fisico. Per un po’ ci rimani amico, ma poi stì cavoli!

Invece il rapporto tra murene e cernie com’é? Ecco una caccia coondivisa del tutto individualista! Alcune osservazioni nel Mar Rosso hanno dimostrato la presenza di una caccia cooperativa tra le cernie Plectropomus pessuliferus, e murene, Gymnothorax javanicus. Piccolo spoiler, anche in questo caso le singole specie pensano a sé e il primo che riesce a prendere la preda se la monopolizza! Amiconi amiconi e poi ognuno allunga la pinna e se ne approfitta!

Nonostante questo, si instaurano rapporti transitori tra queste due specie che effettivamente aumentano il successo della loro caccia. Pensate che il tasso di successo di caccia della cernia e delle murene può aumentare addirittura di 5 volte rispetto alla caccia solitaria! Per la murena la cosa non sorprende, perché la caccia attiva non fa sicuramente parte del suo repertorio comportamentale, ma se si guarda il lato della cernia si capisce che la murena toglie l’unico riparo delle sue prede, cioè fori e spaccature.

Foto murena
Gymnothorax griseus

Amiconi Amiconi, e poi…

Un altro fatto straordinario è che esiste una comunicazione, per ora unilaterale, in cui la cernia invita la murena scuotendo la testa e muovendo la pinna dorsale. La murena sembra non rispondere a questo segnale con un comportamento simile, magari è timida o come me quando mi parla un americano.  Non capisco mezza parola ma il succo del discorso lo interpreto! La murena però si attiva uscendo fuori dal foro e nuota con il compagno per una durata media di oltre 38 minuti. Ovviamente questo segnale non passa inosservato ad altri predatori, che colgono l’occasione per seguire cernia e murena a distanza e accaparrarsi qualche preda extra!

Abbiamo visto come il polpo sia un animale veramente speciale, la cui etologia è tutta ancora da scoprire. Però non dobbiamo concentrarci solo sull’animale, ma anche sul contesto che ha evoluto e che esprime la plasticità che lo caratterizza. Vi invito ad ascoltare quindi  anche le puntate precedenti: La stupidità del polpo e L’insensibilità del polpo per farvi un quadro generale. Per ora ho deciso di mettere in pausa gli episodi tematici su questo animal, ma scrivetemi sui miei principali social per dirmi se lo vorreste ancora sul palinsesto!

Referenze:

Clicca per votare questo articolo!
[Total: 0 Average: 0]

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *