Vai al contenuto
Home » Sano come un Pipistrello! Malattie e Pipistrelli

Sano come un Pipistrello! Malattie e Pipistrelli

Ascolta “Sano come un PIPISTRELLO – Snap” su Spreaker.

Ti ho già raccontato di quando sono diventato BATMAN? No, non sono impazzito, almeno credo. Durante un progetto naturalistico nei parchi naturali maremmani, un calderone di pipistrelli ha deciso di entrare in camera mia e svolazzarci dentro tutta la notte. Non so, probabilmente attirati dallo sciame infestante di zanzare che mi stava succhiando anche l’anima. Attirati dalla fame, e probabilmente dalla voglia di sgagazzarmi tutta la stanza. Decisi presto che era ora di finirla di tutti sti svolazzamenti e chiamai rinforzi per trovare una soluzione.

Inutile dire che la marmaglia volle usare modi poco carini che scacciarli, e.. Che mi mandarono in prima linea perché temevano per i loro capella. Ma ce la si fece e chiudemmo la finestra. Errore gravissimo. Peggio di un missile alimentato da 10 megatoni di energia oscura, un pipistrello sfrecciò verso la finestra, che però era chiusa! Non ricordo bene la specie, probabilmente era un pipistrello nano, Pipistrellus pipistrellus, oppure un pipistrello albolimbato, Pipistrellus khulii. Incurante del pericolo, volendo mostrare il mio status di babbuino alfa, lo presi in mano per adagiarlo fuori dalla finestra. Secondo errore gravissimo.

Mai toccare un pipistrello se non lo si sa fare!

Con bramosia il demone alato affondò i suoi canini golosi di carne scimmiesca, come se aspettasse solo quel mio unico momento di distrazione. Con calma apparente, ma con un reale bisogno di insultare sua madre, lo adagiai fuori dalla finestra. Non seppi mai cosa accadde a quel Pipistrellus, ma da quel giorno diventai… Batman!

Mi svegliò la vibrazione del cellulare. Un messaggio dalla mia banca. Ero appena diventato uno dei loro VIP Loyal Cavial Zitto-Povero Customer e avevo una giacenza di non riesco a contarle cifre che mi stupì leggermente. Scendo le scale diretto alla sala mensa notai che portavo una cintura con mille taschini. Utili per un raccoglitore seriale di reperti naturali come me! E i miei genitori… Loro mi hanno chiamato all’ora di pranzo. Avrebbero mangiato pesce e poi sarebbero andati a teatro passando poi per una strada buia che mammamia non ci vanno manco gli spaccini.

(Da “Il mio sogno di molestatore di pipistrelli“)

Ma magari! Non per i miei, eh! Ma almeno avrei avuto una cintura figa! Invece ho avuto fifa per una settimana intera di essermi preso qualche malattia, come la rabbia! Il pensiero di diventare un’azzannatore seriale mi stava divorando il cervello. Non è che diventi uno zombie assetato di sangue, anche se l’encefalite rabbiosa accade nell’80% dei casi! Resta il fatto che non sapevo questo, ma nemmeno che attualmente la rabbia trasmessa dai pipistrelli non è presente in Italia, e non si registrano casi da un bel po’, cioè non prima del 1977! Ah.. La cultura popolare, in grado di creare bufale e paure!

Immunità e Malattie e Pipistrelli

Rabbia a parte, i pipistrelli sembrano essere una vera e propria riserva di patogeni, soprattutto di virus! Si contano più di 200 virus in generale associate a malattie dei pipistrelli e quasi tutti sono a base RNA. Per farti un esempio, tra questi troviamo quello della SARS, dell’Ebola e dell’Epatite C. Quindi non è che i nostri timori sono del tutto ipocondria. Ma, come fanno a non morire tutti?

Abbiamo imparato bene dal COVID-19, che alcuni soggetti e specie possono trasmettere la malattia senza sviluppare una definita sintomatologia, o comunque piuttosto limitata. Se si leggono i report della Bat Conservation Trust, un ente britannico registrato dedicato alla conservazione dei pipistrelli e dei loro habitat nel Regno Unito, fondato nel 1991, i pipistrelli “serbatoio” sono quelli coloniali! E si, esistono anche specie solitarie, come il Lasiurus borealis, ma perché non schiattano tutti se vivono in colonie vicini vicini? Sembra che il sistema immunitario sia altamente variabile e plastico. Inoltre, l’elevata temperatura corporea creerebbe una forza selettiva per la coesistenza con il patogeno virale. Tipo Mr. Burns che pensa di essere immortale perché dopo un checkup medico gli hanno trovato centinaia di malattie che sono tutte in perfetto equilibrio.

Già, accade proprio questo vero? Sbagliato! Non che i pipistrelli siano del tutto immuni alle malattie! Ne sono un esempio le malattie da filovirus nella specie Miniopterus schreibersii, in particolare quella più recente è il Lloviu viruses, che ha si decimato diverse popolazioni di mammiferi alati, ma anche inalterato le condizioni di altre colonie, creando fenomini di spillover zoonotico. Se non sapessi di cosa sto parlando, lo spillover altro non indica un salto di specie che compie un virus mutato ora capace di infettare anche altre specie animali, come gli umani. Elenchiamo alcune delle malattie che possono trasmetterci!

  • Eboola, anche se non è ancora certo;
  • SARS-COV
  • MERS-COV
  • HEDRA
  • NIPAH
  • RABBIA
  • EBOLA

Il pipistrello che sembra essere coinvolto con quest’ultima malattia è il Rossetto Egiziano (Rousettus aegyptiacus). Lo conoscerai SICURAMENTE se ci segui su IG, e se non sai di cosa sto parlando, seguici al profilo impronta_animal. Ah non perderti anche il profilo Tiktok, li pubblichiamo roba molto figa.

Ci tengo a precisare che questo episodio non è un attacco ai pipistrelli, che sono animali essenziali in moltissimi ecosistemi, ma per fare luce sulla questione malattie e chirotteri. Non dobbiamo temere la loro presenza, anzi, va conservata e favorita il più possibile!

E poi possono essere usati come arma biologica se l’umanità ti fa schifo. Così, per dire. Ma.. Non prendeteli in mano se non sapete come fare e non avete protezioni! Vi assicuro che non riceverete i superpoteri di Bat-Man (ah no scusa, non ne ha. E’ solo un riccone con dei bei giocattolini!)

Letture interessanti

https://www.bats.org.uk/about-bats/bats-and-disease/bats-and-viruses

https://www.nature.com/articles/cddiscovery201648

https://rbe.fli.de/site-page/queries

https://www.msdmanuals.com/

Malattie dei Pipistrelli e come convivere con loro in modo pacifico e armonioso. Ascolta la puntata del podcast Impronta Animale per conoscere ascoltare la natura.

Ruggisci! Fai sentire la tua voce nei commenti.